Pensieri Folli

Thu, 12 Jun 2008 11:34:34 +0000

Una sincera speranza

Filed under: Generale — Tag: — pacatoegentile @ 11:34:34

Martedi’ mattina, entro in un bar per un caffe’ e ascolto la radio.
C’e’ mentana che parla – azz anche alla radio ora? – e sta dando le notizie della giornata:
“….. Continuano le indagini sulla clinica degli orrori ma prima passiamo alla prima pagina: bruttissima partenza per l’italia agli europei che viene clamorosamente battuta per 3 a 0 dall’olanda….”
Il mio cervello attiva le difese anti lobotomizzazione e il sonoro sfuma leggermente .

Ci sono almeno 13 persone, 13 medici di una clinica della fichissima e padanissima Milano, che han giocato con la vita delle persone, al momento han sulle spalle 5 morti e un numero imprecisato di vite rovinate e quale e’ la cosa importante su cui focalizzarsi ? Gli europei di calcio.
E Questa e’ informazione?

Spero sinceramente che l’italia venga sbattuta fuori subito cosi’ i media saranno costretti ad occuparsi di altro, si ci saranno le olimpiadi subito dopo ma quelle di solito non sono molto seguite.

Annunci

3 commenti

  1. Il problema non e’ il calcio o le olimipiadi, ma la lobotomizzazione degli italiani.
    La filosofia piu’ gettonata dagli italiani di oggi e’ “che mi frega?”. Questa viene applicata a tutto, a parte pochi argomenti quali il calcio.
    Dei medici hanno ucciso varie persone a milano? che mi frega? io sto a bologna, ci pensera’ chi di dovere…ormai il danno e’ fatto.
    Napoli non riesce a smaltire la spazzatura? che mi frega? e’ colpa loro, ci pensino loro.
    i politici si fanno i cazzi loro? che mi frega? il lavoro ce l’ho…
    (scena reale) devo buttare la batteria dell’auto con l’isola ecologica ad 800m da casa? la butto di fianco al cassonetto. e se il mio vicino mi dice qualcosa, io rispondo “ma che me ne frega? ci penseranno gli spazzini”

    Cambiare la mentalita’ di un paese e’ dura, vedo due soluzioni e nessuna delle due facile.
    soluzione a) si fa il botto…tocchiamo il fondo, la gente esasperata ricomincia a percepire la realta’ per quello che e’, ci si unisce di nuovo come popolo e forse si riuscira’ a cambiare il modo di vivere in italia. Il problema e’ che per risvegliarci ci vuole appunto un bel botto. e mi piacerebbe evitare di toccare il fondo come nazione, come popolo. Anche perche’ questi risvegli non sono mai “facili”.
    soluzione b) si ricomincia ad educare la gente, a partire dai piu’ piccoli. E’ un processo che richiede tempo, ma il problema piu’ grande e’ chi e come? la stampa lasciamo perdere. la scuola? e’ fatta di persone comuni come tutti.. i genitori? anche loro devono cambiare…
    soluzione c…consigli?

    Non so, la vedo brutta… scusate lo sfogo
    e buona giornata a tutti
    ritorno alla ricerca di un pezzo di carta.

    Commento di Appo — Thu, 12 Jun 2008 13:22:51 +0000 @ 13:22:51

  2. Forse mi sbaglierò ma Mentana secondo me è uno di quelli che ci prova a fare le cose bene, qualche volta ci riesce, altre no, tanto da sembrare il clone di Bruno Vespa. Non per niente dal TG5 è stato silurato, perchè non in linea con…la linea editoriale, ovvero c’è la crisi di governo ma si preferisce parlare di Madonna che compra uno stock di figli in Malawi.

    C’è un momento, questo, nel quale le persone, e non solo i più giovani, hanno sviluppato, a causa dell’imbonimento mediatico, a ragionare come la scaletta di un tg. Notizia veloce, ne prendo atto, sotto la prossima. La stessa rete, fornendo dell’informazione libera e a tutte le ore, ha contribuito a questo. Il cordoglio, la riflessione, l’approfondimento, durano quanto una notizia Ansa. Per carità, sarebbe peggio se fosse così, ci ridurremmo a sorbirci quello che ci dice il TG1, che francamente…lasciamo perdere. Così è ora.

    Non penso ci sia qualcuno in grado di cambiare le cose, una generazione in grado di educare, educare a che, poi, all’informazione di prima? Speriamo di no. Ad un nuovo concetto divulgativo? Troppo presto. Temo sia solo il caso di aspettare. Così come siamo ora, saranno diversi poi, con l’evoluzione dei mezzi, delle teste pensanti, dei cuori.

    Abbiamo tanti problemi come quanti ne avevamo dieci anni fa. Diversi, ma ci sono.

    Con questo non voglio dire che non si deve fare un c***o per risolvere le questioni attuali. Dico solo che se abbiamo la possibilità di spazzare via qualche grana, con le teste delle persone non lo possiamo fare.

    Già solo il nostro voler sapere di più porterà le nuove generazioni ad avere richieste che soddiferanno questo bisogno, ma ne avranno altri nel frattempo, e fondamentalmente ci sarà sempre qualcuno pronto a dire che l’informazione è manipolata, distorta, corrotta e quant’altro.

    E’ un problema che è nato con la stampa stessa, e non se ne può fare a meno, perchè senza discussione non c’è progresso e stimolo.

    Porca pupazza che pippone, scusa Samu!

    Commento di Pan — Thu, 12 Jun 2008 15:54:20 +0000 @ 15:54:20

  3. mio caro, nel paese dei ciechi l’orbo e’ il re.
    una volta ancora si capisce perche’ sia necessario che l’informazione nel bel paese debba scorporarsi da politicanti ed aziende.
    cominciassero a togliere quella vergogna dei finanziamenti ai giornali ed abrogassero quella porcheria dell’ordine dei giornalisti gia’ sarebbe qualcosa.
    Benvenuti nel regime morbido e forza romania 😀

    Commento di comandante stopardi — Fri, 13 Jun 2008 01:46:15 +0000 @ 01:46:15


RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: