Pensieri Folli

Wed, 05 Jul 2006 11:22:23 +0000

Un paese bloccato

Filed under: Generale — pacatoegentile @ 11:22:23

ieri sera me ne stavo bel bello davanti al pc, felice di non vedere la partita.
Detesto il calcio, detesto i calciatori, detesto il business che si e’ creato attorno a questa cosa che qualcuno osa ancora definire sport.
Detesto gli spot televisivi alla “laif is nao” ,  detesto il  pensiero che  delle persone  lobotomizzate siano  l’idolo dei ragazzini e il sex symbol delle donne.

Si, c’e’ dell’invidia in questo, l’invidia sul fatto che un calciatore mediocre possa vivere unicamente giocando, facendo
due tre allenamenti alla settimana + eventuale partita, mentre io per riuscire a mantenere un livello accettabile di agonismo nel mio sport debba farmi 6-7 allenamenti alla settimana (piu’ le corse fuori sia d’estate che d’inverno) .
Vorrei anche io abbandonare questo lavoro noioso e ripetitivo, fissarmi su quella che attualmente e’ la mia unica passione, anche guadagnando quel poco che basta per vivere.
Ma la verita’ e’ che solo un calciatore puo’ permettersi questo e, tutto sommato, visto  il marciume che c’e’ dietro, preferisco il mio sport cosi’ com’e’ : tamarro ma ancora un po’ genuino, con la gente che canta con passione l’inno
ai nazionali, con l’abbraccio genuino alla fine del combattimento (mentre prima volavano pugni da ko)

Beh al di la’ delle mie frustrazioni da combattente fallito e perdente, il punto e’ che martedi’ sera l’atmosfera era surreale: nessuna macchina che passava, silenzio di tomba..
Poi all’improvviso primo urlo, poi secondo urlo… uhm… 2-0, ai supplementari (viva http://www.ansa.it) …
“ha! voglio vedere il centro come si ridurra”
Scarpe, sigarette, accendino, chiavi di casa e via di corsa in direzione centro.
Mi raggiunge dopo un po’ un amico, e assieme notiamo il macello di persone in piazza maggiore.
Tutto bloccato: carabinieri in assetto da sommossa ma piu’ preoccupati di non poter unirsi ai festeggiamenti che di dover picchiare, signorine dipinte in tricolore a destra e a manca, gente senza voce che continua ad urlare.
Passano due moto sportive e tirano due scarburate con tanto di esplosione.
Passano macchine con 8-9 persone a bordo, aggrappate ovunque.
Due moto da enduro decidono che e’ il caso di sgommare con la posteriore e fanno degli splendidi cerchi sull’asfalto.
Urla, canti, fumogeni… sono in uno stato mentale tra il sbigottito, l’allucinato e il divertito; peccato che il non aver visto la partita non mi permetta di partecipare ai festeggiamenti quindi, dopo un’oretta di svago a vedere il tutto
come se fossero fenomeni da circo, me ne torno a casa.
Mi sento uno straniero in terra straniera…ormai non riesco ad identificarmi come italiano, e un po’ questo mi dispiace

Annunci

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: